L'enoteca dei vini artigianali. anche online

Facebook Instagram

Marsannay Clos du Roy - Sylvain Pataille

€62.00
  • Descrizione

    A Marsannay ha inizio la celeberrima Cote D'Or.
    Un macchinario per la spremitura delle uve, datato 1200 (!), collocato all'ingresso del paese accoglie l'enoturista con un benvenuto chiaro e marmoreo: ti trovi in Borgogna.
    Il gioco della storia, dei catasti agricoli, della tradizione religiosamentre custodita dal 1600 ad oggi, solo per puro caso, nonostante l'immensa vocazione del terroir di Marsannay, non ha voluto collocarvi dei Premier o Grand Cru. E' solo questione di carte, però. E allora il Cru di pregio assoluto qui, è ancora il lieu-dit, la vigna, come prima della classificazione di parcelle e muretti iniziata 4 secoli fa con i benedettini.

    Le vigne del geniale artigiano Silvain Pataille sono esposte a sud-est su morbide colline tra i 200 e i 300 metri di altitudine. Approccio biologico all'agricoltura già da diversi anni, in cantina si lavora senza lieviti ed enzimi selezionati.
    Si vinifica in vetroresina per preservare freschezza ed espressività, e di affina in legni usati. Spesso si va in bottiglia senza ausilio di solforosa.
    Sono vini di grande classe ma altresì di una vitalità e naturalezza decisamente rare se non uniche nel panorama quasi sacrale, e a volte, 'fisso' della prestigiosa Borgogna.
    Il Clos du Roy, nasce dal lieu-dit più antico e pregiato di Marsannay. In altre epoche, come tradisce il toponimo, era una delle parcelle di Borgogna assegnate come vini alla corte di Parigi. Vinificato a grappolo intero, porge al naso sentori vivi e maturi insieme, prevalentemente giocati su frutti rossi, viola, rosa, corteccia, spezie. Il sorso è una vibrazione. C'è la giusta ciccia, croccante e saporita, avvolta da tannino setoso e sale. Classe che si porge, anche generosa. Chapeau.


  • Dettagli

    Cantina: Sylvain Pataille
    Uve
    : Pinot Nero
    Annata: 2018
    Affinamento: legno usato per 20 mesi, vetro.
Documento senza titolo